NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Invito a destinare il 5x1000 al Comune di Bondeno

5x1000 140 90

La Giunta comunale di Bondeno invita tutti i residenti a destinare il Cinque per Mille dell’Irpef all’Ente, in modo che quest’ultimo possa poi utilizzare tali fondi per potenziare il trasporto sociale e l'assistenza domiciliare per disabili e anziani.

«La nostra comunità sa bene quanto Bondeno sia da sempre in prima fila nel sociale – sono le parole del sindaco, Simone Saletti e dell’assessore ai Servizi Sociali, Francesca Piacentini –. In questo caso, tutta l’Amministrazione è convinta che destinare il Cinque per Mille all’Ente sia una scelta saggia e lungimirante, utile a incrementare l’efficienza del trasporto sociale. Nella fattispecie, verrebbero destinati i fondi ai trasporti e all’assistenza domiciliare per disabili e anziani».

Per destinare il Cinque per Mille al Comune di Bondeno è sufficiente che il cittadino apponga la propria firma nell’apposito riquadro che figura sul modello di dichiarazione. Tale riquadro è facilmente identificabile dalla scritta “Sostegno delle attività sociali svolte dal comune di residenza”. Chi non deve fare la dichiarazione dei redditi, può compilare il modello integrativo consegnato dal datore di lavoro insieme al CU-2021. La destinazione del 5 per mille non è in alcun modo alternativa a quella dell’8 per mille (che può essere destinato ad esempio agli enti religiosi o allo Stato), e di conseguenza il cittadino non ha nessun costo aggiuntivo da dover sostenere.

«Questa proposta non vuole comunque essere un obbligo per nessuno – chiosano Saletti e Piacentini –: resta sempre possibile per chiunque destinare il 5 per mille ad altre organizzazioni o ad altri scopi».

Campagna di informazione: Basta una firma e una parte dell'imposta che hai già versato resta a Bondeno

Come destinare il 5x1000 al Comune di Bondeno

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn