Giovani insieme per dire di "no" al cyberbullismo

logo spazio 29

Comune, Ausl, scuola e Spazio 29 insieme per dire di “no” al cyberbullismo. Le forme di prevaricazione che si scatenano in rete, provocando la sofferenza di tantissimi giovani, molto spesso lontano dagli sguardi dei genitori. Talvolta ignari di quello che avviene sulla rete. Per riflettere su questo, ma soprattutto per consentire ai ragazzi di attivarsi e contrastare questo triste e preoccupante fenomeno, è stato portato avanti un progetto che ha visto gli studenti protagonisti nel sollevare il tema del bullismo informatico. «L'obiettivo che abbiamo voluto perseguire, collaborando con la dirigenza scolastica, l’Ausl, Spazio 29 e il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze è stato quello di sensibilizzare i giovani su questo problema – dice l’assessore alla scuola, Francesca Aria Poltronieri –. Il lavoro che i nostri studenti hanno prodotto è notevole e verrà proiettato sotto forma di anteprima, sabato 6 Ottobre». Gli studenti sono stati seguiti da “facilitatori” interni – le docenti Tassi e Michelini – e da Caterina Tagliani (Spazio 29).  «Sono stati coinvolti gli studenti a partire da quelli più giovani – aggiunge Tagliani – allo scopo di far sì che, già dall’età di 11 anni, si possano sentire tutti cittadini attivi. Perché la loro opinione è importante». L’investimento dell’amministrazione, a proposito del Consiglio Comunale dei Ragazzi è stato rinnovato, con mille euro che verranno investiti secondo quelle che saranno le esigenze segnalate proprio dagli studenti dell’Istituto Bonati. Sabato 6, invece, verrà proiettata a scuola l’anteprima del video dal titolo: “Pensaci due volte, con il cyberbullismo non si scherza!”, realizzato con l’aiuto del regista Fabrizio Oggiano. Collaboratore storico di Spazio 29, che già aveva firmato il video di sensibilizzazione pro-Admo: “We are Happy from ADMO”. Il nuovo video, invece, intende instaurare una sorta di patto tra tutti i servizi che si occupano del benessere dei giovani, puntando l’attenzione proprio sul bullismo informatico; ed a tal proposito verrà presentato l’intero progetto sabato 6 ottobre, alle 10, alla sala 2000. Interverranno all’iniziativa pubblica l’assessore Francesca Aria Poltronieri, la dirigente scolastica Stefania Borgatti, il dottor Alberto Urro di Promeco (Ausl e Comune di Ferrara), che è il responsabile del progetto: “Punto di vista, l’operatore a scuola”. Con loro anche le psicologhe Silvia Barbaro (Spazio Giovani dell’Ausl) e Nadia Bertolotti (consultorio di Bondeno).

cyberbullismo

 

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn