Politiche sociali: palestre "sicure"

Coletti2

Il centro Zenit è la prima palestra del territorio ad essere stata inclusa nel registro regionale delle palestre sicure. Uno straordinario traguardo, mirato alla promozione della salute del territorio e che permetterà di sviluppare nuovi e importanti percorsi con il Comune di Bondeno e l’Ausl di Ferrara, per diffondere stili di vita corretti. «Nel Documento unico di programmazione dell’ente – spiega l’assessore alle politiche sociali, Cristina Coletti – abbiamo voluto inserire un progetto che abbracciasse tutte quelle attività che servono a promuovere la salute ed i corretti stili di vita». La normativa regionale prevede un percorso per quelle palestre che possono essere definite “sicure” e in grado di svolgere attività fisica adattata per i loro utenti: «il centro Zenit di Bondeno ha avuto la lungimiranza di iniziare questo percorso – sottolinea Coletti – e l’Assessorato alle Politiche sociali intende sostenere economicamente questo interessante progetto, assieme all’Ausl di Ferrara. Crediamo che sia un passaggio fondamentale nel percorso “salute” che riguarda tutti i cittadini, al fine di prevenire le patologie croniche e migliorare la qualità della vita di chi ne è soggetto». La direttrice sanitaria dell’Ausl di Ferrara, la dottoressa Nicoletta Natalini, ricorda come le iniziative di questo tipo «si stiano sviluppando partendo da una collaborazione con gli attori sociali del territorio (in questo caso, il Comune di Bondeno, il centro Zenit e l’associazionismo; ndr) allo scopo di coinvolgere le persone per una promozione degli stili di vita sani e ad una corretta attività motoria. Lavorando sul campo – conclude – è possibile creare reti e contribuire a creare progetti per il miglioramento della qualità della vita». Il tutto era cominciato, a Bondeno, con la nascita quasi spontanea di un gruppo: “In cammino”. L’Assessorato alle Politiche sociali ha voluto sistematizzare quel progetto, collaborando attivamente con l’Ausl, lo Zenit e la Polisportiva “Chi gioca alzi la mano”. Sabato 9 giugno (alle ore 10) nella sede di Zenit avverrà la presentazione ufficiale del progetto che si potrebbe definire “2.0” riguardo alle camminate della salute. Sergio Ameruoso di Zenit non nasconde prospettive di sviluppo futuro dell’attività. Non a caso, l’Organizzazione mondiale della Sanità indica in almeno 150 minuti di attività a settimana il coefficiente giusto per promuovere uno stile di vita sano.  

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn