NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Sfilata vintage da applausi a Scortichino

sfilata vintage stellata

Una passerella nel passato. Immersa tra i colori, i ricordi, la riscoperta della moda che ha segnato un’epoca. Quella di un periodo di passaggio tra gli anni ’40, vissuta a cavallo della guerra, e gli anni ’50 segnati invece dal boom economico, fino agli anni’70. A sigillo della fiera di Scortichino, la sfilata degli abiti vintage ha riscosso ancora una volta il consenso del pubblico. «Si è trattata della quarta edizione di questo genere di passerella dal sapore vintage – ricorda l’assessore alla cultura, Francesca Aria Poltronieri – dal momento che il tutto è cominciato nel 2015, con la prima sfilata al centro 2000. In seguito riproposta durante l’Antica fiera di Stellata e durante la festa patronale di Pilastri. La manifestazione – continua – è stata resa possibile dai tanti cittadini che hanno prestato i loro abiti (o di loro parenti) coprendo di fatto un arco temporale piuttosto vasto». I circa 100 abiti riportati in auge dal contesto sono stati indossati da modelle e ragazze del paese, ma il percorso di ricerca storica sulla moda è proseguito anche con una pubblicazione a tema promossa dal Comune, alcuni anni fa. «Crediamo che questo percorso teso a ricordare e valorizzare il passato – conclude Poltronieri – passi dalla riscoperta delle tradizioni, attraverso la moda di un tempo andato e nello stesso tempo sia un momento di incontro tra generazioni. Un mio particolare ringraziamento va agli acconciatori Daniela Guerzoni, Sandra Abbottoni (Belli Ribelli), Samuele Azzolini e a tutto lo staff di Make up Istituto di Bellezza e i negozi di parrucchieri (Acconciature Unisex e Samunele Azzolini Acconciatore) per aver eseguito acconciature dell’epoca che ha truccato le modelle perché sembrassero davvero uscite dal passato».

sfilata vintage3

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn