Festa della donna a Bondeno

544

L'immagine di Marie Curie, premio Nobel per la fisica e la chimica, ed in grado di lasciare un segno indelebile con i suoi studi sulle radiazioni, non è che una delle donne che hanno contribuito a fare avanzare l’umanità, per mezzo del proprio lavoro, dell’impegno e dell’abnegazione. Del resto, il suo adagio non lasciava dubbi sul fatto che la conoscenza dovesse essere la strada maestra: «Niente nella vita va temuto, dev’essere solamente compreso. Ora è tempo di comprendere di più, così possiamo temere di meno». Il percorso biografico e letterario che è stato pensato per celebrare la Festa mondiale della donna è esattamente mirato in questa direzione: «studiare e comprendere, per superare anche i timori e le ansie di un universo femminile che vive costantemente minacciato dalla paura dei maltrattamenti, anche domestici – spiega l’assessore alla cultura e alle pari opportunità, Francesca Aria Poltronieri –. Con frequenti casi di femminicidio che riempiono le nostre cronache. Non vogliamo riempire di vuota retorica questo momento, che è di riflessione, ma invitare i lettori che si recheranno alla biblioteca “L. Meletti” di via dei Mille ad un percorso biografico (dal titolo “Prime donne”), riscoprendo le figure femminili che si sono distinte le corso della storia». Per informazioni: 0532-899290.

loo

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn