Riqualificazione del patrimonio cimiteriale

lavori

Ha ottenuto l’approvazione definitiva il progetto esecutivo che dovrà riqualificare il patrimonio cimiteriale del territorio. Non si parla, naturalmente, del cimitero del capoluogo, già oggetto di interventi di ricostruzione post-sisma, in particolare nella parte gentilizia. Bensì, di quelli frazionali di Burana, Settepolesini, Ospitale e Stellata, per i quali sono stati messi complessivamente a disposizione 61mila euro. «Durante gli incontri frazionali della primavera scorsa abbiamo raccolto i pareri dei cittadini, in merito alle principali emergenze ed interventi da compiere – rivale il sindaco di Bondeno, Fabio Bergamini – ed in seguito abbiamo dato disposizione al nostro geometra comunale, Riccardo Guerzi, di redigere un progetto dettagliato, che ora ha superato la fase esecutiva e per il quale sono state allocate le risorse necessarie. Si partirà con l'inizio dell'anno, affidando i lavori in tempi rapidi». E’ seguita una complessa fase di relazione generale e tecnica, di computo metrico degli interventi, tenendo come punti fermi il quadro economico ed il capitolato speciale di appalto. La spesa complessiva per i quattro campi santi frazionali sarà di 61mila euro, derivanti da avanzo corrente e contributi Imu per gli immobili inagibili. «Rispetto al piano investimenti iniziali, si realizza un’economia di avanzo corrente, che naturalmente è stato possibile attuare grazie alla progettazione interna all’Ente e dal contributo per “inagibili” del sisma, senza intaccare qualità e sicurezza dei lavori». I quali verteranno principalmente sulla posa delle nuove siepi (definitivamente abbandonata la scelta alternativa dei cordoli; ndr) e la rifunzionalizzazione dei percorsi pedonali interni. Le zone in cui verranno effettuati i lavori sono soggette a vincoli paesaggistici, ed anche questo è stato tenuto logicamente in considerazione.

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn