Rianimiamo Bondeno

Rianimiamo Bondeno

La defibrillazione precoce sul territorio bondenese

DAELo scopo di questo progetto è di ridurre il numero di morti improvvise da arresto cardiocircolatorio. Esso non vuole sostituirsi alla organizzazione già esistente del servizio Territoriale 118, ma piuttosto integrarsi ed essere complementare ad esso: il Comune di Bondeno ha già aderito, nel 2005, all’iniziativa interaziendale promossa dall'Azienda Ospedaliera S. Anna e dall'Azienda AUSL di Ferrara denominata “IL TEMPO E’ VITA”; di conseguenza anche il presente programma vi aderisce con lo scopo di vedere garantito il rispetto delle normative vigenti in fatto di diffusione e utilizzo dei D.A.E. (D.L. 18 Marzo 2011).
La distribuzione sul territorio del maggior numero possibile di defibrillatori semiautomatici (D.A.E.) e la formazione al loro utilizzo anche di personale non sanitario, possono concorrere a eliminare una fibrillazione ventricolare in tempi ridotti e, quindi, a ridare la vita ad una persona colta da arresto cardiaco improvviso.

 

Come funziona il DAE

Il Defibrillatore semiAutomatico Esterno (DAE) è un dispositivo in grado di effettuare la defibrillazione delle pareti muscolari del cuore in modo sicuro, poiché è dotato di sensori per riconoscere l'arresto cardiaco.
In questi casi, il defibrillatore determina automaticamente se è necessaria una scarica e seleziona il livello di energia necessario. L’utente che lo manovra non ha la possibilità di forzare la scarica quando il dispositivo segnala che questa non è necessaria.
Il funzionamento avviene per mezzo dell’applicazione di piastre adesive sul petto del paziente. Quando tali elettrodi vengono applicati, il dispositivo controlla il ritmo cardiaco e, se necessario, si predispone per la scarica. Per mezzo di un altoparlante, fornisce le istruzioni all'utente, ricordando che nessuno deve toccare il paziente e che è necessario premere un pulsante per erogare la scarica.

 

La catena della sopravvivenza

Gli studi dimostrano che la defibrillazione elettrica rappresenta senza dubbio l’evento terapeutico più importante nel trattamento dell’arresto cardio-circolatorio conseguente a fibrillazione ventricolare, tachicardia ventricolare senza polso e aritmie. La rianimazione cardio-polmonare di base senza defibrillatore non rappresenta un trattamento definitivo e ogni minuto che passa senza intervenire la possibilità di sopravvivenza cala del 10%.
E' evidente dunque l’importanza di inserire un defibrillatore semiautomatico in ambiente extra ospedaliero per organizzare in un più ampio contesto “ la catena della sopravvivenza”:
pronto riconoscimento ed attivazione immediata dei soccorsi> rianimazione di base precoce> defibrillazione precoce> rianimazione avanzata precoce.

 

Clicca qui per visualizzare il documento completo.

 

Link

 

 

 

 

In collaborazione con

 
Progetto promosso da

 
118 il tempo è vita Comune di Bondeno
chi gioca alzi la mano csr ju-jitsu Corpo Intercomunale Alto Ferrarese
Vigili del fuoco volontari di Bondeno Protezione Civile Emilia Romagna Radio Club Contea
Polizia Municipale
Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn