Elenco dei Contributi di solidarietà a Bondeno


scarica la tabella con i dati

Tabella donazioni a sostegno di Bondeno

(totale al 17/03/2014: € 2.161.473,59)

 

 


SOS Contributo Emergenza Terremoto tramite:

  • Bonifico bancario a Tesoreria Comunale c/o Ca.Ri.Fe (Filiale di Bondeno) - IBAN  n. IT 08 S 06155 67196 000003200023
  • Versamento sul C/C postale n. 13678446

 

Precisando sempre la causale, scegliendola fra le seguenti, elencate in ordine di priorità:

 

1. Terremoto Bondeno - "SICURA-MENTE SCUOLE"

Valutazione preliminare del fabbisogno: € 500.000



2. Terremoto Bondeno - "FAI LA ROCCA DI ROCCIA"

Valutazione preliminare del fabbisogno: € 1.200.000

Presentazione al MADE EXPO 2012 di Milano

 

3. Terremoto Bondeno - "PROMUOVI LA TUA IMPRESA IN COMUNE"


VANTAGGI FISCALI CONNESSI ALLE LIBERALITA’ RICONOSCIUTE ALLE POPOLAZIONI COLPITE DA EVENTI CALAMITOSI ATTRAVERSO I COMUNI

Il riconoscimento delle agevolazioni fiscali in ragione delle liberalità concesse ai soggetti che hanno subito i danni provocati dalle calamità, è possibile anche con riferimento alle somme erogate per tali fini, in favore dei COMUNI (art. 138 comma 14legge n. 338/2000). Pertanto, è possibile precisare che anche i bonifici o i giroposta effettuati in favore dei conti correnti intestati ai Comuni, conferiscono ai donanti, la possibilità di ottenere dei benefici fiscali. Più in particolare,  proprio al fine di aumentare il numero dei soggetti che possono raccogliere le somme in favore delle popolazioni colpite da calamità, con due norme è stata riconosciuta la possibilità di ottenere il riconoscimento:

- di un onere detraibile IRPEF per un importo pari 19% dell’erogazione liberlale in denaro, per un importo non superiore a euro 2.065,83, ai sensi dell’art. 15, comma 1, lett. I-bis) del TUIR (cfr., comma 14, della Legge 388/2000
- una deduzione dal reddito d’impresa dell’erogazione liberale senza alcun limite di importo (cfr. articolo 27 della legge 13/05/1999, n. 133)


in relazione alle erogazioni liberali in denaro effettuate a favore delle popolazioni colpite da eventi di calamità pubbliche o da altri eventi straordinari…  effettuate in favore degli enti individuati dal D.P.C.M 20/06/2000, tra cui in particolare sono ricompresi i COMUNI

Inoltre per le imprese che volessero porre in essere delle donazioni in natura è previsto, nella sostanza, che i beni ceduti gratuitamente, per le stesse finalità, non saranno considerati ricavi sulla base del valore normale, come altrimenti sarebbe previsto secondo le disposizioni ordinarie (c.d. autoconsumo)

Al fine di avere la possibilità di ottenere il riconoscimento dell’onere detraibile in relazione alle erogazioni liberali, occorre sempre che il versamento sia fatto con moneta tracciabile, ossia tramite banca, ufficio postale o sistemi di pagamento quali carte di debito, credito e prepagate, assegni bancari e circolari.

Per quanto riguarda gli obblighi documentali necessari per ottenere i benefici, in caso di effettuazione di bonifico o giro posta è sufficiente la ricevuta rilasciata dalla Banca ovvero dalla Posta nel quale deve emergere oltre che il numero di IBAN ed il titolo dell’iniziativa, anche la denominazione del Comune, oltre che la destinazione delle somme.

Condividi il contenuto su FacebookCondividi il contenuto su Google PlusCondividi il contenuto su TwitterCondividi il contenuto su LinkedIn